facebook bdia  youtube bdia

BEATLES MUSEUM IL BEATLES MUSEUM A BRESCIA PRESSO L’ANTICA BIRRERIA WUHRER

Beatlesiani d’Italia Associati annuncia con grande piacere la riapertura del Beatles Museum nella storica Sala della Musica dell’Antica Birreria Wuhrer a Brescia  Entrata libera, con appuntamento ma seguendo scrupolosamente le indicazioni di legge per Covid 19 con green pass, dall’ingresso dell’Antica Birreria Wuhrer di Viale Bornata 46.
        Si prega pertanto di prenotare al Tel. 030 303092 - 336411914 - 3666374524
 
EVENTI AL BEATLES MUSEUM
 
DOMENICA 12 DICEMBRE ALLE 16,30 
 
Interventi musicali per la presentazione del libro "Io Nuoto a Farfalla" di Michele Febbrari
 
Per la presentazione del libro "Io Nuoto a Farfalla" di Michele Febbrari, I Due Quarti Acoustic Duo interverranno suonando alcuni brani inerenti alla storia del romanzo. L'evento è a cura dell'Associazione Beatlesiani d'Italia Associati e si terrà nella sala del Beatles Museum al piano interrato della Birreria Wuhrer di Brescia nel rispetto delle normative covid. Ricordiamo che la prenotazione è obbligatoria!
 
Michele Febbrari è nato a Brescia nel 1991. Inventa storie per guardarsi allo specchio anche se l'immagine non è sempre fedele. Per New Press ha pubblicato, nel 2020, all'interno della raccolta "È finito il lievito e allora scrivo", tre racconti: "Cromatico", "Delirio al supermarket" e "Droplet".
 
 
SABATO 4 DICEMBRE AL BEATLES MUSEUM
Presso l’Antica Birreria Wuhrer a BRESCIA 
 
con Ingresso Libero e muniti di Green Pass
ROBERTO PARAVAGNA 
Presenta i suoi ultimi due libri:

THE ROKES Conversazioni su Musica, Moda, Società e Costume

PAUL McCARTNEY
 OLTRE I BEATLES... 
17.30 - INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA "PAUL PLAYS ITALY” 
 
18.00 - PRESENTAZIONE DEGLI ULTIMI DUE LIBRI DI ROBERTO PARAVAGNA  
 
 THE ROKES Conversazioni su Musica, Moda, Società e Costume
Il libro di Roberto Paravagna inizia nell'Inghilterra del 1960: la nuova ondata musicale ha spazzato via la vecchia nazione.
Le abitudini, il perbenismo, la moralità, i modi, le mode: tutto questo cambia nel giro di pochi anni, da quando il rock'nroll è entrato di prepotenza nelle stanze di migliaia di gioveni inglesi. Come tanti altri ragazzi della loro età, Shel, Bobby, Mike e Vic - che lascerà il posto a Johnny - si fanno contagiare dalla febbre del rock'nroll che non li abbandonerà più. Dopo vari cambi di nome e di formazione, i Rokes approdano in Italia, all'Ambra Iovinelli di Roma, dove tra il pubblico c'è un attento Teddy Reno, abile a non lasciarseli sfuggire per accompagnare Rita Pavone in giro per l'Italia. Un mix folgorante: capelli lunghi, stivaletti con il tacco alto, smaccato accento inglese, chitarre con una strana forma a nido di rondine; tutto questo è sufficiente alla stampa nazionale per etichettare il complesso "I Beatles italiani". 
E' l'inizio del grande successo, consolidato nel nuovo tempo generazionale, il Piper, dove i Rokes passano dal Blues al rhythm'n'blues per poi approdare al beat in chiave italica e piazzarsi nei primi posti delle classifiche di vendita, tra concerti, apparizioni televisive, caroselli, premi, film, con tanti album e 45 giri.
Ma oltre a raccontare l'ascesa dei Rokes, questo libro intende riscoprire i membri del gruppo anche nelle loro attività come singoli artisti. Insieme a loro, viene anche focalizzato il decennio 1960/1970 con tutti i cambiamenti di moda, costume e società.
Edito da Arcana (Roma), in distribuzione presso le librerie di tutta Italia.

PAUL McCARTNEY OLTRE I BEATLES 

Macca è un personaggio che soprende per la sua straordinaria energia e vitalità, per l'altrattanto inossidabile tenacia e l'inesauribile curiosità con la quale è sempre pronto ad accogliere nuovi stimoli e nuove sfide, un uomo che non risparmia l'impegno in prima persona per cause importanti: uno che da il meglio di se in ogni cosa, e che non teme di esprimere le proprie idee e convinzioni, anche quando sono apertamente contro corrente, un filantropo intelligente ed attento.
Il libro è un viaggio tra alcune importanti esperienze della sua vita e della sua lunga carriera artistica.
Partiamo dalle radici della Liverpool operaia per scoprire come nacque il suo rapporto con la musica.
Dopo un tuffo nella Londra alla moda, lo seguiremo nel suo percorso fatto anche nella musica classica contemporanea, nella letteratura per ragazzi, nelle molte battaglie per l'ambiente, contro le armi, e per una corretta e sana alimentazione per concludere con una incursione nella sua ampia dotazione di strumenti musicali collezionati in tutti questi anni di brillante carriera.
Un uomo conosciuto per le sue bellissime canzoni, ma che resta impresso anche per la sua straordinaria energia, creatività ed umanità.
 
 
ROBERTO PARAVAGNA (Genova, 1954)
Giornalista, autore, animatore radiotelevisivo, musicista, fa parte di un gruppo che ripropone le canzoni di Fabrizio De Andrè.
Ha scritto e condotto per RaiRadio 2 uno speciale sui Beatles in Italia, per Radio Vaticana ha realizzato diversi programmi dedicati ad importanti figure della cristianità. Presta la voce a documentari naturalistici (Geo, RaiTre) e a diverse trasmissioni sportive di formula uno (Crono GP - Italia7 Gold, High - tech Sky Sport Formula1).
Ha scritto e diretto inoltre alcuni documentari su episodi di Resistenza svoltisi in Piemonte e Liguria prodotti dagli istituti storici di Alessandria ed Asti. Ha collaborato inoltre con il periorico VivaVerdi  della  Società Italiana Autori Editori.
 
 
17.30 - INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA “PAUL PLAYS ITALY”
 
A CURA DEL FOTOGRAFO  ROLANDO GIAMBELLI: LE FOTOGRAFIE DEI CONCERTI, DI E CON, PAUL McCARTNEY IN ITALIA DAL 1965 AD OGGI...
 
 
 
 
 
DOMENICA 28 NOVEMBRE 2021 ALLE 17,30 
Ezio Guaitamacchi presenta in musica i suoi ultimi due libri: 
 
AMORE, MORTE & ROCK ’n’ ROLL - Le ultime ore di 50 rockstar, retroscena e misteri 
CROCODILE ROCK - storie aneddoti curiosità e tutto ciò che unisce musica e animali
 
Racconti, suoni e visioni per chiarire i tanti misteri ma anche per scoprire i retroscena più intimi e toccanti delle ultime ore di rockstar come  John Lennon, David Bowie, Freddie Mercury, Lou Reed e Leonard Cohen. E, al tempo stesso, affrontare il variegato rapporto tra musica e animali, dalle origini del suono alle canzoni ispirate da quadrupedi e volatili, dai nomi delle band prese direttamente dal mondo animale ai cuccioli delle pop star. 
 
Due libri i cui argomenti, a volte, si intrecciano in un flusso continuo di racconti, curiosità e aneddotica impreziosito da versioni in chiave acustica di alcuni brani epocali.
 
 
Sul palco, con Ezio Guaitamacchi e le sue chitarre, la voce di BRUNELLA BOSCHETTI, il talento artistico di ANDREA MIRO’ e la partecipazione di ANTONIO BACCIOCCHI, co-autore di CROCODILE ROCK.
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
Il Beatles Museum torna alla birreria Wührer e resta in città
 

NUOVA SEDE

Il Beatles Museum torna alla birreria Wührer e resta in città


TEMPO LIBERO
9 ott 2021, 07:00
 
 
 
Il Beatles Museum ora all’Antica Birreria Wührer - © www.giornaledibrescia.it

Il Beatles Museum ora all’Antica Birreria Wührer - © www.giornaledibrescia.it

Nuova sede per il Beatles Museum che - dopo l’addio al Museo Mille Miglia, a Sant’Eufemia, e il rischio di dover «traslocare» in un’altra città - è riuscito a trovare spazio sempre nella nostra città, nella Sala della Musica dell’Antica Birreria Wührer in viale della Bornata.

Sospiro di sollievo, dunque, per gli appassionati dei Fab Four, che, dopo la sospensione dell’attività nello scorso giugno, presto avranno modo di ritrovarsi ancora ad ammirare la ricca collezione di cimeli dedicata ai quattro di Liverpool, raccolta negli anni da Rolando Giambelli, anima dei Beatlesiani d’Italia Associati, e arricchitasi nel corso del tempo grazie a prestiti e donazioni, ultima in ordine di tempo quella del collezionista svizzero Eliano Galbiati. Sabato 9, dalle 18.30 è infatti programmata l’inaugurazione dei nuovi spazi del museo.

Un appuntamento da non perdere, animato da musica dal vivo. Ha già dato conferma della propria presenza il cantautore Alberto Fortis, che spesso nella sua carriera si è ispirato ai Beatles. E in vista delle iniziative che verranno organizzate per «Brescia - Bergamo Capitale della Cultura 2023», daranno manforte alla serata anche i Vitarìa, band bergamasca con la quale i Beatlesiani stanno approntando significative collaborazioni. Non casuale il giorno prescelto per l’avvenimento di domani, visto che il 9 ottobre è anche la data di nascita di John Lennon.

Il Beatles Museum di Brescia, che compie proprio in questi giorni i 21 anni di attività, è il primo e unico nel suo genere in Italia, e grazie alla quantità e qualità dei memorabilia esposti, oltre che per l’instancabile opera del suo fondatore, è noto in tutto il mondo e dal 2019 è anche gemellato con il Liverpool Beatles Museum. Appassionati e curiosi vi possono trovare ogni genere di materiale relativo alla storia dei Beatles, oltre ad una cinquantina di libri di libera consultazione. Grazie alla dimensione della sala ed alla presenza di un pianoforte a coda, la nuova sede ospiterà anche happening e concerti.

Tra i prossimi progetti in fase di realizzazione c’è anche la Beatles Academy, per cui, grazie a musicisti amici dell’associazione, si organizzeranno incontri dedicati alla musica dei Fab Four e verranno anche impartite lezioni per imparare a suonare i loro strumenti musicali. La nuova sede del museo dedicato al mitico quartetto di Liverpool è allestita alla Wührer grazie alla sensibilità di Leo Ruocco, che ha accolto l’appello lanciato da Giambelli, e sarà aperta tutti i giorni dalle 14,30 alle 18,30. In ogni caso è massima la disponibilità a fissare visite guidate e iniziative ad hoc su appuntamento, telefonando allo 030.306919. Altre informazioni sul sito www.beatlesiani.com.


 
 
BEATLES MUSEUM STORY

The Beatles Museum dedicato a George Harrison, il grande musicista dei Beatles appassionato di corse e di automobili, ha trovato la sua nuova collocazione presso il Museo della Mille Miglia www.museomillemiglia.it grazie alla Direzione guidata dal Cav. Attilio Camozzi che ha accettato la richiesta dei Beatlesiani di ospitare una mostra permanente sul più grande fenomeno pop-musicale, culturale e di costume di tutti i tempi. 

Nel complesso monastico di Sant’Eufemia della Fonte fondato nel 1.008 ha sede il Museo della corsa più bella del Mondo: la Mille Miglia. Nella sala Aymo Maggi è allestito il Beatles Museum: il tempio ideale per conservare e ripercorrere la storia di un mito e rivivere emozioni che oggi sono leggenda.

L’idea di un’esposizione sull’arte dei Beatles è di Rolando Giambelli fondatore e presidente di “Beatlesiani d’Italia Associati” per far rivivere e ripercorrere, anno per anno, la favolosa storia dei Fab Four attraverso le “memorabilia” ovvero le pregiate rarità: dischi, foto, libri, posters, autografi, indumenti, targhe, e quant’altro abbia fatto riesplodere la “beatlemania”, a quasi quarant’anni dallo scioglimento dei Fab Four!

Il Beatles Museum di Brescia, aperto il 7 giugno 2009, giorno in cui si è svolta la 20a edizione del Beatles Day, è stato inaugurato ufficialmente il 9 ottobre, anniversario della nascita di John Lennon.
il Beatles Museum, ovvero la prima mostra “stabile” di collezionismo “beatlesiano” in Italia, era già stato aperto a Brescia il 14 febbraio 2001 sulle note di “All You Need is
Love” la celebre canzone di Beatles, nei locali gentilmente offerti ai Beatlesiani da www.casavigasio.it, fondata dall’indimenticabile Mario Vigasio.

Il Beatles Museum di Brescia, conosciuto dagli appassionati di tutto il mondo, era stato presentato a Sir Paul McCartney a Milano nel 2001 ed è anche citato da Hunter Davies nella terza edizione della sua Biografia ufficiale di Beatles. Il Beatles Museum si avvale anche della collaborazione e della sensibilità dei “beatlesiani” a cui va l’appello del Museo affinchè mettano a disposizione, sempre di più, i loro reperti da esporre nel Museo. George Harrison era un fan della Ferrari ed alcune sue foto, mai viste prima d’ora, scattate da Walter Iscra mentre visita la Casa di Maranello, sono esposte in esclusiva al Beatles Museum.

The Paul MCCARTNEY  Aston Martin DB6 at Beatles Museum c/o Museo Mille Miglia - Brescia Italy on 9th May 2011

GIRATO A BRESCIA IL VIDEOCLIP PER “LET IT SWING”
IL NUOVO ALBUM DEI SUGARPIE AND THE CANDYMEN
CHE INTERPRETANO I BEATLES
AL BEATLES MUSEUM PRESSO IL MUSEO MILLE MIGLIA

Al Beatles Museum presso il Museo della Mille Miglia a Brescia, sono state realizzate le riprese del videoclip promozionale per “Let It Swing” il nuovo album di Sugarpie and the Candymen.

Il gruppo, reduce dai recenti successi ad Umbria Jazz, Ascona Jazz festival, Ischia Jazz, e dalle numerose collaborazioni con Renzo Arbore (fra cui il Festival Jazz di Cremona e il concerto di Natale su Rai 2), ha dedicato il loro quarto album interamente alla musica dei Beatles.

Si tratta di una rivisitazione in chiave jazz-swing-blues di alcune celebri canzoni Beatlesiane, ricreate con un sound che amalgama armonie vocali, chitarre manouche, trombe, contrabbasso e batteria. L'album è intitolato "Let it Swing", e uscirà in Italia il prossimo 6 novembre per la Irma records, promosso dall'agenzia "Gazebo giallo" di Adriano Fabi, e sarà disponibile presso tutti i maggiori distributori digitali, o contattando direttamente il sito della Irma records.

I Beatlesiani, per voce del loro fondatore Rolando Giambelli, sono particolarmente soddisfatti per aver proposto il Beatles Museum, inaugurato nel 2001 a Brescia ed ospitato presso il Museo della Mille Miglia,  come location per realizzare il videoclip dedicato all’album degli Sugarpie and the Candymen (sul brano Come Together dei Beatles).

Tutte le riprese TV all’ottima band, composta da Georgia Ciavatta alla voce, Jacopo Delfini alla chitarra e alle armonie vocali, Renato Podestà alla chitarra e alle armonie vocali, Roberto Lupo alla batteria e Alex Carreri al contrabbasso, sono state realizzate da Alessandro Giambelli, mentre i musicisti si aggiravano per il museo, suonando e cantando fra le vetrine piene di “memorabilia” dei Beatles e due fantastici ballerini, Annalena Berton e Lorenzo Daccò del gruppo sperimentale “Quelli di Via Oldrado” hanno danzato sulle note di Come Together fondendo la danza urbana con il lindy hop, sotto l’attenta regia di Adriano Fabi, il massimo collaboratore di Renzo Arbore  eproduttore dei suoi spettacoli musicali. Adriano Fabi è anche il papà del cantautore Marco e zio di Nicolò, ed ha scritto il copione per l’esilarante video clip dei Sugarpie and the Candymen girato a Brescia!

 

Beatles Museum
Beatlesiani d’Italia Associati
The Beatle People Association of Italy

Presso L'Antica Birreria Wuhrer

Viale Bornata 46  Brescia

Sede Associazione B.D.I.A. Via Biseo 18, 25128 Brescia - Italy
Tel.: +39.030303092 - Fax: +39.030306919
www.beatlesiani.com - www.thebeatles.it
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

THE BEatops - beatle band

Italian
Beatles
Tribute

BEATLESMUSEUM

A Brescia,
presso
il Museo 1000MIGLIA

A DAY IN THE LIFE AT ABBEY ROAD

Doppio CD Prodotto da BEATLESIANI D'ITALIA ASSOCIATI