Premio Caruso 2008 - Concerto Tributo ai Beatles

Marina Grande di Sorrento

Produzione: Vittoria Cappelli srl

Registrazione spettacolo: 20 luglio 2008

Messa in onda televisiva: 8 agosto 2008 – Rai Uno (prima serata)

 

 

Un programma di Piero Ameli

Scritto in collaborazione con Alessandro Buccini, Paola Di Felice, Giovanni Giuliani

Direzione musicale: Roberto Colombo

Direzione artistica: Franco Cantarelli

Direttore della fotografia: Pino Quini

Scenografia: Luigi Dell’Aglio

Video-scenografia: Sergio Gazzo

Regia: Sergio Colabona

 

Il Premio Caruso, evento ideato dal Comune di Sorrento, incontra per questa edizione del 2008 il fascino e la magia di una musica dal grande respiro internazionale quale quella dei Beatles.

 

L’idea che contraddistingue la realizzazione di questo evento consiste infatti nel far dialogare in un grande spettacolo musicale e televisivo le due grandi anime della musica dal ‘900 ai nostri giorni, quella di estrazione lirico-classica e quella pop-rock.

 

E chi meglio di Enrico Caruso e dei Beatles puė rappresentare al massimo livello questi due aspetti solo apparentemente distanti? Per entrambe queste esperienze la musica infatti non ha confini, se non quella della qualitą e della capacitą di trasmettere emozioni vere all’ascoltatore, e da qui probabilmente discende la loro grandezza storica.

 

E’ innegabile infatti il grande talento e la profonda anima popolare che ha segnato in tutto il mondo il successo di Enrico Caruso in grado di eseguire con la stessa intensitą repertori diversi da Puccini o Verdi alle canzoni napoletane, cosď quanto la ricerca del quartetto di Beatles di spaziare con i loro arrangiamenti verso partiture orchestrali di chiara ispirazione classica, andando oltre la semplice struttura di canzone beat o rock.

 

Per entrambe queste esperienze si potrebbe cosď parlare di veri e propri fenomeni “pop”, prendendo il significato di questo termine in tutte le sue sfaccettature, dall’alto verso il basso e viceversa. Altro elemento molto importante da sottolineare Ź che sia Caruso che i Beatles, ognuno in relazione alla propria epoca, hanno rappresentato i momenti piĚ alti del mercato discografico: a Caruso va riconosciuto infatti il merito e il coraggio di essere stato il primo cantante a cimentarsi con il supporto discografico, mentre per quanto riguarda i Beatles gli effetti dei loro successi di vendite furono cosď enormi al punto da meritarsi l’onorificenza di baronetti piĚ per meriti industriali che artistici.

 

Si Ź quindi pensato di realizzare uno spettacolo musicale nel corso del quale artisti di grande fama nazionale ed internazionale celebrano la musica e le parole dei Beatles, attraverso inedite ed appassionate interpretazioni, ed in cui il Premio Caruso troverą terreno fertile con significative incursioni tutte nel segno della qualitą e della contaminazione musicale di stili e di epoche.

 

Sorrento

 

Uno splendido teatro sul mare, nell’affascinante cornice delle rocce della costiera e di una suggestiva sideline disegnata dai suoi famosissimi hotel. Sorrento offre uno scenario perfetto per la realizzazione di questo evento internazionale, che nasce nel segno della contaminazione e della commistione di stili musicali, di epoche e di linguaggi.

 

Con le carriere di Enrico Caruso e dei Beatles che, forse non a caso, nascono da cittą di mare per poi confluire con larghissimi successi in tutto il mondo, il palco sul mare della Marina Grande di Sorrento, sembra essere l’approdo naturale per narrare e raccontare i loro episodi piĚ significativi e per celebrare questo simbolico incontro. Oltre che dal palco sull’acqua lo spettacolo avrą delle sortite anche in altri suggestivi angoli della cittą, come per esempio Via Fuorimura, i Bagni della Regina Giovanna o il chiostro di San Francesco, con contributi filmati o con l’allestimento di set appositi.

 

 

 

 

 

 

Il concerto

 

 

 

 

 

 

 

 

50 anni fa nascevano i Beatles ...  un grande spettacolo, un concerto tributo dedicato ai Beatles, la piĚ grande band di sempre, racconterą con le loro canzoni quei meravigliosi anni di cambiamenti del costume e delle idee, di cui i quattro di Liverpool furono tra i principali protagonisti. A suggello della celebrazione dei Beatles la serata vivrą un momento di particolare magia e intensitą dando luogo al “Premio Caruso 2008”, con la proposta di un dialogo sempre vivo ed aperto tra il mondo della musica classica e il rock

 

 

 

 

 

La piĚ famosa band di tutti i tempi verrą raccontata, con un grande e un ambizioso concerto tributo che si terrą nel meraviglioso scenario della Marina Grande di Sorrento, un grande teatro sul mare, a coronamento di una serata in cui si assegnerą anche il “Premio Caruso 2008”.

 

I Beatles hanno attraversato un periodo di grandi trasformazioni segnato dalla presa di coscienza dei giovani che hanno conquistato la consapevolezza del loro ruolo innovativo in una societą che si andava evolvendo e liberando dal conformismo, dall’ipocrisia e da convenzioni obsolete; concetti universali come la pace e l’amore hanno assunto un significato profondo entrando a far parte del sentire comune e rivoluzionando il modo di vestire, di comunicare e di riunirsi in gruppo.

 

Nel giugno del ’65 i Beatles facevano il loro unico e breve tour in Italia. Suonarono prima a Milano, poi a Genova e al Teatro Adriano di Roma. A piĚ di 40 anni da quella loro sortita il loro mito in Italia, cosď come nel resto del mondo, Ź ancora del tutto intatto.

 

La realizzazione di questo spettacolo vuole cosď evidenziare quel ponte ideale che sussiste tra quel mondo degli anni ’60 e la nostra contemporaneitą,  un filo di continuitą pressoché ininterrotto, testimoniato dall’attualitą delle canzoni dei Beatles, che sono ancora oggi un punto di riferimento imprescindibile per tantissimi interpreti della musica.   

 

Le canzoni piĚ suggestive, piĚ coinvolgenti e che per almeno una volta tutti abbiamo cantato e ci hanno fatto sognare, verranno eseguite e interpretate con nuova emozione da un cast di cantanti italiani e internazionali, artisti in grado di attraversare trasversalmente le varie generazioni, perché la Beatlesmania Ź stata una rivoluzione musicale di cui ancora oggi noi tutti sentiamo le influenze. Gli ospiti della serata si confronteranno spesso fra di loro con duetti e perfomances uniche.

 

 

 

 

 

 

 

Un particolare segno di distinzione di questo spettacolo sarą rappresentato dalla presenza di grandissimi nomi della musica internazionale: Donovan, Sinead O’ Connor, Skin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di alto livello Ź anche il  cast di artisti italiani, che propone una serie di nomi di grande popolaritą come Piero PelĚ, Neffa, Dolcenera, Morgan, Alberto Fortis, Franz Di Cioccio, voce della Premiata Forneria Marconi, in grado di offrire una miscela di stili e generazioni musicali a confronto, che  rispecchiano le numerose sfaccettature della band inglese.

 

La grande forza dei “Quattro di Liverpool” Ź stata quella di coniugare il rock e il blues al mondo pop e a ballate immortali: i Beatles sono stati infatti la prima band che ha saputo unire il sound di un gruppo rock alle sinfonie di una grande orchestra. Sarą quindi fondamentale proporre non solo grandi voci ma anche popolari formazioni rock amalgamando i loro suoni con classici arrangiamenti orchestrali. Per questo motivo si Ź pensato di inserire nel cast anche 2 celebrate rock band del panorama musicale italiano, Le Vibrazioni e i Marlene Kuntz, che saranno il fil rouge di alcuni momenti dello spettacolo non solo come protagonisti ma come supporter di altri cantanti fondendo il loro sound asciutto con gli arrangiamenti orchestrali.

 

La grande orchestra sinfonica, diretta dal maestro Roberto Colombo, sarą composta da 24 elementi ai quali si aggiungeranno eccezionalmente gli straordinari musicisti del Solis String Quartet, ensemble formato da 2 violini, viola e violoncello, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Insieme all’orchestra sinfonica il Maestro Colombo dirigerą anche una band ritmica formata da valenti musicisti.

 

L’evento, come nei precedenti concerti tributo di Rai Uno prodotti da Vittoria Cappelli (Battisti, De AndrŹ, Modugno), sarą privo di un conduttore, di storici e di esperti, ma vivrą solo di musica e di emozioni. Le brevi parti discorsive tra una canzone e l’altra saranno per lo piĚ affidate ai cantanti, come ideale introduzione, per un ricordo, una breve spiegazione del testo, un aneddoto sui quattro ...

 

Ci saranno comunque alcuni toccanti interventi poetici e narrativi affidati ad un’attrice napoletana di grande qualitą quale Giuliana De Sio.

 

 

 

 

 

 

Ci sarą inoltre l’esigenza e l’opportunitą di produrre, sempre a coronamento delle esecuzioni live del concerto, un racconto visivo, con immagini evocative legate sia ai temi delle canzoni  che alla loro epoca, cogliendo cosď l’occasione per una rivisitazione iconografica dei miti, fatti, personaggi, culture degli anni ’60.

 

Le immagini utilizzate non saranno tratte ed ispirate ai soli Beatles, ma produrranno anche escursioni verso i luoghi piĚ suggestivi legati alla cittą ospitante e al suo golfo, con momenti che prevedono anche esecuzioni complete o parti di canzoni, con dei veri e propri set ambientati direttamente fuori dal palco, in aree scelte tra piazzette, vicoli, resti archeologici, zone panoramiche, etc.

 

Questi momenti verranno visualizzati o con video-proiezioni durante il concerto o inseriti a macchia in post-produzione.

 

 

 

Il Premio Caruso

 

All’interno del concerto, tra tanti ospiti internazionali ed icone del mondo pop-rock, avremo anche un grande esponente della musica italiana, cui sarą attribuito il Premio Caruso, per aver promosso e diffuso la cultura musicale italiana nel mondo. Egli sarą l’elemento di liaison tra l’universo dei Beatles e quello di Caruso.

 

La voce narrante spiegherą come la musica della band inglese abbia affondato le proprie radici nella tradizione della melodia classica, coniugandola e fondendola col rock, il blues e tutti i fenomeni sperimentali dei primi anni ’60 – non a caso i Beatles sono stati i primi ad avvalersi di orchestre sinfoniche mescolate alle allora assordanti chitarre elettriche.

 

Il musicista premiato potrą quindi esibirsi anche insieme ad altri elementi del cast nell’esecuzione di un brano dei Beatles

 

 

 

 

Cast

 

Orchestra Sinfonica e band ritmica

Orchestra sinfonica, composta da 24 elementi e dai Solis Quartet

Band ritmica, composta da 8 musicisti

Direttore d’orchestra: Roberto Colombo

 


Artisti

 DONOVAN

 SKIN

 SINEAD O’ CONNOR

 PIERO PELŰ

 NEFFA

 MORGAN

 DOLCENERA

 ALBERTO FORTIS

 FRANZ DI CIOCCIO

 SOLIS QUARTET

 

 LE VIBRAZIONI

 MARLENE KUNTZ


 

Voce narrante

Giuliana De Sio

Banda

una banda musicale scelta in ambito locale

 

(*) eventuali sostituzioni, integrazioni o cambiamenti del cast saranno effettuati con artisti di pari livello

 

Le canzoni

 

Let it Be

Yellow Submarine

All You Need is Love

Something

Help

A Hard Day’s Night / Love Me Do / Ticket to Ride

Eleonor Rigby

Hey Jude

Yesterday

Blackbird

Girl

Come Together

A Day in the Life

Strawberry Fields

Revolution

And I Love her / Dear Prudence / Norvegian Wood

Here Comes the Sun

Penny Lane

Across the Universe

Long and Winding Road

Golden Slumber

Get Back

The Fool in the Hill